Valdobbiadene Valdobbiadene Le Zitelle Prosecco Superiore Brut ed Extra Dry Zitelle Shopping Card Valdobbiadene La borgata di Ron B&B Le Zitelle di Ron B&B Le Zitelle di Ron B&B Le Zitelle di Ron La Nana La Nana La Nana B&B Le Zitelle di Ron La Gina La Gina La Gina La Casetta dei Bartenela La Casetta dei Bartenela La Casetta dei Bartenela

A Valdobbiadene
nel cuore della zona
Prosecco Superiore docg

Le Zitelle di Ron sono la Nana e la Gina: personaggi di borgata di un tempo, cui è dedicato questo piccolo agriturismo, dove è possibile pernottare a pochi passi dal centro di Valdobbiadene nella caratteristica borgata di Ron. Nel cuore della zona Prosecco Superiore DOCG, il luogo ideale per trovare relax senza rinunciare ai servizi del centro.

Nella deliziosa piazzetta di Ron, dove in pochi metri trovano posto la storica fontana, la chiesetta dedicata ai Santi Rocco e Bernardino e il campanile, che pare la miniatura del grande campanile del Duomo di Valdobbiadene, le tre camere, sono state ricavate ristrutturando una parte della vecchia casa di famiglia, dove la Nana e la Gina sono vissute con i loro genitori e i loro fratelli. Dopo che la casa originale era stata parzialmente distrutta dalla Prima Guerra Mondiale, fu costruita la “Grande Casa dai balconi azzurri”, dove per qualche tempo sono vissuti alcuni fratelli con le rispettive famiglie, mentre qualcun’altro andava e veniva dai fronti di Guerra, dalla Svizzera, da Venezia con la valigia di cartone.

Luogo, come tanti, di Storie di Famiglia, di Guerra, di emigrazione, di operosità, di successi e fallimenti e poi rinascita, storie di donne forti e coraggiose, tanto che ad un certo punto il capofamiglia perse tutta la proprietà per un affare andato male e fu sua moglie, la bisnonna Sofia, a riacquistare tutti i beni e a rimettere le cose a posto...

Quando tutti se ne furono andati, rimasero solo due sorelle, la Nana, e la Gina, appunto. Due zitelle ormai anziane, che in molti ricordano ancora come scontrose e irritate dalla vita... ma donne forti.

Giovanna, chiamata “La Nana”, era una cuoca che per molti anni aveva lavorato all’albergo ristorante “Alla Torre”, storico locale di Valdobbiadene, e poi a Venezia al ristorante “Le Chat qui rid” poco lontano da San Marco. Ormai sulla settantina, si ritirò nella casa di famiglia assieme alla sorella Luigia, “La Gina”, che da sempre invece faceva la sarta e si occupava della casa e dei beni di famiglia. Assieme trascorsero gli ultimi anni della loro vita.

Ed è così che le tre camere prendono nome dalle Zitelle e dal soprannome di famiglia “i Bartenela”.